Si narra di un antico palazzo costruito a cinque miglia dalle mura della città e immerso in un giardino meraviglioso, prospiciente un lago artificiale il quale prendeva il nome da una sorgente che scaturiva alle falde del Monte Grifone e che fu chiamata in periodo arabo fawwarah (sorgente d’acqua che ribolle).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *